M. Cevedale (m 3769) – Palon de la Mare (m 3704) – Cima Branca (m 3097)

Data effettuazione gita: 
24/04/2018
Località di partenza: 
Rifugio Branca (m 2493)
Difficoltà: 
BSA

Martedì 24 aprile, ultima giornata piena di permanenza in quota, inizia con un’alba ventosa e nebbiosa, che, con deciso miglioramento verso mezzodì, lascia il posto a una giornata fin troppo calda e soleggiata.

Da parte mia ho colto l’occasione per raggiungere almeno una cima alla mia portata, la Cima Branca (m 3097), prima evidente elevazione della cresta Sud del Pasquale, da me scansata nella gita d’esordio, due giorni avanti, per motivi di condizioni della neve. Altri gitanti, che nei giorni precedenti non avevano salito il Palon de la Mare, hanno invece approfittato delle buone condizioni per raggiungere questa cima.

All’andata ho seguito il percorso escursionistico lungo il dorso della morena mediana, segnalato dalle paline del percorso «Pasquale estivo»; verso il culmine ho incrociato il gruppo di Paola, David, Susanna e Fabrizio che scendeva lungo il vallone in destra idrografica, su neve ancora in corso di trasformazione. In vetta sono stato raggiunto da un gruppetto di canadesi, alcuni con splitzboard, provenienti dal Rifugio Pizzini attraverso il Colle del Pasquale e diretti al Branca. La discesa ha richiesto un’accurata scelta dei pendii, a seconda della loro orientazione, per trovare neve ancora non del tutto ammollata.

A coronamento del gitone, un nutrito gruppo di soci ha compiuto la traversata del Cevedale, con percorso non banale, reso impegnativo da alcuni tratti alpinistici e dal lungo tragitto di ritorno lungo la Val di Cedèc. Diversi partecipanti al loro ritorno al rifugio sono rientrati anticipatamente a valle.

Riepilogo delle mete raggiunte nella giornata di martedì 24 dai nostri consoci, partendo dal Rif. Branca:

   Monte Cevedale, m 3769 (salita dalla Valle delle Rosole, tratto su cresta rocciosa dal Colle del Pasquale Est, discesa dal Passo del Cevedale al Rifugio Pizzini e ritorno lungo la Val di Cedèc al rifugio Branca per la Malga dei Forni): Davide Giangrandi, Carlo Fabbricotti, Luca Paganelli, Filippo Casaccio, Manù Mosca ed altri. Traslazione A/R 17 km, dislivello m 1256 (vedi dati statistiche).

   Palon de la Mare, m 3704: Antonio Mori, Antonio Massarutto, Davide Ferri, Maila Brignetti, Giulia Giraudo, Marco Gianvanni, Vanni Lunardi, con successivo rientro a valle. Traslazione 13 km, dislivello salita 1311 m, discesa m 1560.

   Cima «Brancola» (così ribattezzata dai partecipanti), m 3100 circa: Paola Pardini, David Hayward, Susanna Uggeri e Fabrizio Sebastiani, con rientro al parcheggio dei Forni. Traslazione A/R 11 km, dislivello salita m 650, discesa m 1000 circa.

   Cima Branca, m 3097: Aldo Giovannini. Traslazione A/R 3 km, dislivello m 604.

Profilo percorso: 
No Altitude
Statistiche
Distanza totale percorsa: 
17.00Km
Distanza percorsa in salita: 
4.00Km
Distanza percorsa in pari: 
1.50Km
Distanza percorsa in discesa: 
12.50Km
Dislivello in salita: 
1256m
Dislivello in discesa: 
1256m
Quota di partenza: 
2493m
Quota di arrivo: 
2493m
Quota minima raggiunta: 
2318m
Quota massima raggiunta: 
3769m